Contattaci

Articolo

Call to action bottone

Call to Action, il loro funzionamento e come crearle

Che cos’è una Call to Action (CTA)?

Una CTA è un pulsante (o banner o link) che pubblicizza un’offerta (contenuto scaricabile, demo, chat con un esperto, ecc.) ed è collegata a una landing page. Gli inviti all’azione possono essere inseriti sul tuo sito web, blog ed e-mail. Poiché sono l’elemento che avvia il processo di trasformazione, sono l’elemento centrale.

Comprendere cosa sono gli inviti all’azione e perché svolgono un ruolo importante nel processo di conversione dell’inbound marketing. Ora sei pronto per imparare come creare inviti all’azione efficaci..

Come si creano e come si usano Call to Actions efficaci?

Attira l’attenzione con verbi d’azione

Le call to action sono un valore fondamentale della tua attività: sono così importanti che devi seguire alcune regole fondamentali quando le crei. Ecco come creare inviti all’azione efficaci. Gli inviti all’azione dovrebbero essere orientati all’azione. Il loro scopo però è quello di attirare l’attenzione dei visitatori e indurli a compiere un’azione specifica: scaricare un e-book, guardare un video o richiedere una dimostrazione gratuita del tuo prodotto o servizio. Rendi la vita più semplice possibile ai tuoi visitatori. Dovrebbe essere intuitivo per loro capire cosa devono fare: diglielo direttamente! Utilizzare quindi verbi d’azione.

Ad esempio, “Scarica la guida gratuita per viaggi avventurosi”. La parola “Download” rende tutto molto chiaro su ciò che accade dopo che l’utente ha fatto clic sull’invito all’azione. Mantieni anche il tuo messaggio breve. Non dovrebbe occupare troppo spazio sulla tua pagina e sulle e-mail. Dopotutto, un invito all’azione è sempre secondario rispetto al resto del contenuto della pagina in cui lo inserisci..

Prendi in considerazione i gusti dell’utente target

Quando scegli i tuoi inviti all’azione, considera i contenuti di alta qualità che offri, l’acquirente e la fase del percorso del cliente in cui si trova. Prova diversi verbi d’azione come applicare, registrarsi, scaricare o ricevere. Non dimenticare di utilizzare anche parole chiave che corrispondano agli interessi dell’utente, all’offerta successiva e alla pagina di destinazione.
L’utilizzo delle stesse parole chiave e frasi durante tutto il processo di conversione aiuta i visitatori a capire cosa stanno ottenendo mentre passano dall’invito all’azione alla pagina di destinazione e di ringraziamento. Un altro passo importante è assicurarti di attirare l’attenzione dell’utente. Spesso c’è confusione su come attirare l’attenzione dei visitatori con un invito all’azione. Alcune persone pensano di dover utilizzare un determinato colore o dimensione o di dover utilizzare immagini.

Qualunque siano i tuoi inviti all’azione, ricorda che devono distinguersi ed essere notati in modo che i visitatori sappiano che devono fare clic su di essi. Infatti, i visitatori solitamente riconoscono gli elementi cliccabili come pulsanti e link. Considera i gusti del tuo acquirente mentre progetti gli inviti all’azione. Al tuo pubblico potrebbe piacere qualcosa di luminoso e colorato, oppure potrebbe desiderare qualcosa di semplice e minimale. Pensa a cosa potrebbe interessare loro e al modo in cui di solito navigano sui siti web. 
Se non lo sai, va bene. Puoi sempre iniziare da qualche parte e poi raccogliere dati attraverso i test. In ogni caso è importante utilizzare colori che contrastino con il resto dello sfondo e che armonizzino i colori e lo stile con il tuo brand. Ciò aiuta l’invito all’azione a risaltare visivamente. Anche la posizione del CTA è molto importante. In alcuni casi, posizionali nella parte superiore delle pagine prima che l’utente scorra la pagina verso il basso (detta anche sopra la soglia o parte superiore della pagina).

Posiziona le CTA in punti strategici

La call to action è una delle prime cose che l’utente nota quando arriva sulla pagina. Gli inviti all’azione appaiono sempre come parte integrante della pagina, ovunque tu scelga di posizionarli. Dovrebbero essere altamente visibili, attirare l’attenzione dell’utente ed essere posizionati in modo logico insieme a tutto il resto della pagina. Ad esempio, non avrebbe senso mettere un e-book da scaricare nella pagina dei prezzi. Un visitatore di questa pagina raccoglie informazioni sulla struttura dei prezzi e prende una decisione di acquisto. 
È utile anche che le pagine includano una call to action a fine pagina in modo che l’esperienza dell’utente continui anche dopo aver letto il contenuto della pagina (scaricare un e-book, guardare un video di approfondimento, contattarci, ecc.). Quando i visitatori del tuo sito web sfogliano i post del tuo blog, è strategico inserire un invito all’azione alla fine di ogni post del blog. 

Quando ci pensi, hai passato così tanto tempo a scrivere articoli sul blog. Per massimizzare il valore per l’utente, puoi fornire un invito all’azione pertinente alla fine della lettura in modo che possa approfondire. Puoi anche arricchire le barre laterali del tuo blog con un invito all’azione per promuovere l’ultima offerta o il prossimo evento. Le barre laterali sono una buona sezione che attira l’attenzione dell’utente e consente loro di approfondire un concetto. In genere, le offerte che includi nei tuoi inviti all’azione sono offerte generali che possono essere applicate alla maggior parte degli utenti che potrebbero accedere alle pagine del tuo blog..
Infine, un altro luogo per gli inviti all’azione sono le e-mail. Alla fine di un’e-mail, in un paragrafo, in una frase o in qualsiasi altro punto che possa attirare l’attenzione del lettore senza distrarre. Ricorda, il tuo obiettivo è convertire i visitatori in lead, non in lettori. Quindi assicurati che il tuo pubblico di destinazione possa leggere prima il contenuto e convertirlo solo se sceglie di farlo..

Come testare l’efficacia delle Call to Actions?

L’ultimo consiglio è testare ogni esperimento e analizzare i risultati. Quando si analizza l’efficacia di una chiamata, un buon risultato è un tasso di click (click/visitatori) dell’1 o 2%. Ciò significa che 1 o 2 clic su un invito specifico su 100 visitatori è un buon risultato. Quanti di coloro che fanno clic sull’invito all’azione e arrivano con successo alla pagina di destinazione completeranno quindi il modulo lead e diventeranno lead? Un buon punteggio è il 10%. 

Ad esempio, se 70 persone sono arrivate alla tua landing page, ottenere 5 nuovi contatti è un buon risultato: 10% di conversione. Ricorda che quando sperimenti la progettazione CTA, dovresti apportare una piccola modifica alla volta e testare i risultati. Se modifichi contemporaneamente testo, colore, dimensione, posizione, ecc. non si sa mai cosa ha funzionato e cosa no. Inizia con un piccolo cambiamento (come un colore) e vedi se porta più clic. Attraverso test e analisi, non solo puoi creare inviti all’azione più efficaci, ma anche comprendere meglio la tua buyer persona.

Conclusioni

In sintesi, ecco tutte le migliori pratiche da seguire durante la creazione e la gestione delle CTA: 

  • le CTA dovrebbero essere orientate all’azione; devono contenere parole chiave che corrispondano agli interessi dei tuoi visitatori e alle offerte che pubblicizzi sulle tue pagine di destinazione;
  • devono attirare l’attenzione dei visitatori e far capire che sono cliccabili;
  • devono essere posizionate strategicamente sulle tue pagine;
  • devono essere rivolte verso una specifica landing page.

Dopo aver costruito il tuo sito/ landing page…, inizia a sperimentare, con piccole modifiche, e ad analizzare i risultati. Tieni a mente queste regole quando crei il tuo prossimo CTA. Infine, puoi farti aiutare dal software Marketing Automation, che può scegliere autonomamente quale chiamata mostrare al visitatore (in base al profilo, comportamento, interessi, ecc.) e conservare tutte le statistiche (visite, clic, risultati…) Puoi continuare ad approfondire la tua conoscenza del marketing e dei percorsi di conversione imparando cos’è una landing page e come creare una landing page efficace.